Studio Toni Follina

Lo studio dell’architetto Toni Follina è focalizzato nel settore delle costruzioni e della riqualificazione urbana dei centri storici. Fondato nel 1981 e ubicato a Treviso, lo studio opera sia in  Italia che all’estero mettendo la ricerca in campo progettuale al centro della propria attività. La lunga carriera del suo fondatore, dalle prime esperienze come assistente di cantiere fino  agli incarichi accademici in Italia e all’estero, è costellata di progetti sviluppati su scala locale, nazionale e internazionale. Progetti afferenti a tutti i campi dell’architettura con “l’obiettivo  di produrre patrimoni urbani o di difenderli, realizzando nel contempo paesaggi culturali integrati”.  

Come diverse altre realtà del settore, lo studio Toni Follina alterna una febbrile attività professionale  alla partecipazione ai concorsi di idee per l’affidamento  di  incarichi  di  progettazione.  Si tratta di lavorazioni che vengono portate a   termine dallo staff dello studio spesso sottraendo tempo alla produzione ordinaria e per le quali è importante comunque ottenere il massimo degli obiettivi. Quindi risulta sempre più decisivo  l’uso di strumenti a supporto dell’attività progettuale, in grado di consentire la restituzione grafica dell’idea  il più fedele possibile al risultato  finale.  In questo contesto, l’approccio BIM-Building Information Modeling di Autodesk Revit ha messo in condizione lo studio Toni Follina di partecipare alla gara per la progettazione del nuovo Bauhaus Museum di Dessau. L’uso del BIM ha dato vita a un ambiente operativo unico per tutte le discipline coinvolte, mentre Autodesk Revit si è confermata una soluzione facile da gestire e in grado di accelerare le fasi di sviluppo delle  idee.  

La sfida

La partecipazione alla gara per la nuova sede museale di Dessau dedicata al Bauhaus costituiva un’occasione imprescindibile per lo studio Toni Follina. “Si trattava di un’occasione da cogliere considerando l’importanza e la portata innovativa del Bauhaus nell‘arte e nella cultura del secolo scorso e l’idea di architettura che ha portato avanti”, precisa Marco Sari, ingegnere collaboratore presso lo studio. Dessau infatti, a partire dal 1925, fu il fulcro della scuola e del movimento razionalista tedesco dopo lo spostamento della sede da Weimar. Il concorso, che ha visto la partecipazione di quasi mille progetti da tutto il mondo, prevedeva l’applicazione di linee guida stringenti per l’ideazione delle superfici e dei temi progettuali, per l’ubicazione e l’esposizione dell’edificio, all’interno di un parco urbano. La filosofia di base consisteva nella calibratura della nuova costruzione per un suo inserimento secondo le idee di cui era permeata la ricerca del Bauhaus. “Volevamo sviluppare una struttura a parallelepipedo, in armonia con l’ambiente del parco, i volumi e le distanze degli edifici circostanti”, sottolinea Sari. Allo stesso tempo la nuova sede doveva assolvere alla sua funzione di centro culturale di eccellenza accogliendo servizi ed eventi collaterali alla proposta museale.

“Il progetto comprendeva anche la piazza antistante all’edificio, intesa come rappresentazione fisica ed emblematica degli incontri tra culture ed esperienze”. La complessità interdisciplinare a cui rispondere con la sintesi architettonica doveva essere risolta con l’ausilio di un approccio unico e integrato, tale da ottimizzare il processo produttivo di progettazione e consentire allo studio di partecipare alla gara con una proposta adeguata ai requisiti del bando.

 

La soluzione

Il progetto della nuova sede del Bauhaus Museum di Dessau è stato portato a termine grazie all’approccio BIM ed all’uso di Autodesk Revit, che ha permesso lo sviluppo e la creazione dei materiali da presentare alla selezione. Attraverso la possibilità di utilizzare un modello tridimensionale, con Autodesk Revit si ha a disposizione un ambiente progettuale unico per la visualizzazione, la simulazione e la condivisione dei materiali. La scelta di Revit è stata operata anche grazie alla consulenza di Orienta+Trium, realtà nazionale specializzata nella fornitura, supporto, consulenza e formazione sulle soluzioni di progettazione Autodesk. “Abbiamo individuato in Autodesk Revit lo strumento più adatto a questo tipo di progetti che comportano elevata qualità di risultato in tempi ridotti”, chiarisce Sari. “Tra le caratteristiche che ci hanno spinto all’uso di Revit risalta infatti la velocità con cui è possibile ottenere un modello planivolumetrico di massima”. Questo consente ai progettisti di concentrarsi sugli aspetti più architettonici delle masse e dei volumi che compongono l’idea progettuale da sviluppare. “Solo utilizzando Autodesk Revit è possibile verificare in tempo reale se quanto sviluppato è in linea con ciò che abbiamo in mente”. Allo stesso tempo è emerso il vantaggio di fare leva sulla velocità con cui operare le modifiche. “Lavorando per parametri ed elementi costruttivi si affina e si velocizza il processo operativo nel caso in cui occorra cambiare o spostare parti del progetto”, sottolinea Sari. “La restituzione grafica degli elaborati con le modifiche, a partire da prospetti e piante, è pressoché immediata”.

I risultati

Nelle fasi di progettazione e produzione del Bauhaus Museum di Dessau, l’uso di Autodesk Revit e dell’approccio BIM ha permesso innanzitutto la velocizzazione dei processi di disegno. “I concorsi di idee costituiscono quasi uno sfizio per uno studio come il nostro”, chiarisce Sari, “il nostro impegno va in parallelo alla produzione quotidiana, per cui l’impiego di uno strumento veloce è fondamentale”. Revit infatti consente allo studio Toni Follina un’immediata resa grafica al dettaglio di qualunque elemento edilizio, con la possibilità di variare e introdurre nuovi elementi con estrema velocità senza compromessi in precisione e qualità. Allo stesso tempo, la possibilità di lavorare in team con altre persone che possono condividere e verificare insieme le scelte progettuali – per esempio a livello impiantistico – oggi è di forte aiuto per i progettisti, considerando che aspetti come il controllo delle interferenze sul modello BIM sono ormai alle base della veridicità di un progetto. “Tutto ciò consente di abbattere il rischio di errori da risolvere poi in fase di direzione lavori”, precisa Sari, “dal momento che operare su un modello digitale permette di anticipare problematiche molto più complesse da gestire in cantiere”. Non a caso, tra i vantaggi verificati dall’uso del BIM, uno dei principali è dato dal controllo continuo del processo di progettazione. “Il BIM costituisce un approccio vantaggioso per il settore della progettazione architettonica, un salto decisivo nell’elaborazione grafica di pari livello del passaggio dal tecnigrafo al CAD”, aggiunge Sari. “Il BIM ci permette di rappresentare al meglio la realtà nei progetti perché costituisce una soluzione più continuativa tra quello che vogliamo realizzare e il risultato”. Operare non più per linee ma per elementi costruttivi permette ai progettisti di ottimizzare il proprio lavoro ed amplifica la visione progettuale. “Con il BIM possiamo comprendere meglio le modalità di cantiere e applicarle alla progettazione digitale, anche questo ci mette al riparo da problemi nelle fasi esecutive”. E nel caso del progetto per il museo di Dessau, il controllo sulle scelte architettoniche e la visualizzazione tridimensionale di ogni dettaglio degli elementi edilizi ha permesso allo studio di affinare gli elaborati con estrema rapidità. L’esperienza dello studio Toni Follina dimostra come l’approccio BIM sia diventato un modello operativo standard e contribuisca ad aumentare le competenze dei progettisti. “Oggi l’uso di Autodesk Revit è diventato fondamentale per la nostra attività”, conclude Sari. “Il BIM ci aiuta a esprimere al meglio quello che vogliamo realizzare, ottimizzando tutte le fasi della progettazione”.

Stampa Email

  • Architettura e Costruzioni

    Studio Toni Follina

    Lo studio dell’architetto Toni Follina è focalizzato nel settore delle costruzioni e della riqualificazione urbana dei centri storici. Fondato nel 1981 e ubicato a Treviso, lo studio opera sia in Italia che all’estero mettendo la ricerca in campo progettuale al centro della propria attività. La lunga carriera del suo fondatore, dalle prime esperienze come assistente di cantiere fino agli incarichi accademici in Italia e all’estero, è costellata di progetti sviluppati su scala locale, nazionale e internazionale. Progetti afferenti a tutti i campi dell’architettura con “l’obiettivo di produrre patrimoni urbani o di difenderli, realizzando nel contempo paesaggi culturali integrati”.
    ► Leggi tutto
  • Architettura e Costruzioni

    Studio Tecnico Campello Geom. Franco

    Lo studio tecnico Campello nasce nel 1990 in provincia di Padova, più precisamente a Massanzago un territorio già importante in epoca romana di cui, ancora oggi, si conservano tracce come una strada dell’epoca fra le meglio conservate.
    Negli anni l’attività professionale dello studio si è svolta sulla base della professionalità, alla continua formazione del titolare il geometra Campello e due collaboratori di fiducia di cui si avvale, fornendo servizi tecnico-progettuali, di consulenza nel campo lavorativo dell'edilizia e rami collegati, nel settore delle costruzioni, restauro e ristrutturazioni.
    ► Leggi tutto
  • Architettura e Costruzioni

    Incide Engineering

    La progettazione di massima, la pianificazione, la definizione dei budget d’intervento, sono il primo supporto che Incide Engineering, è in grado di fornire, grazie alle professionalità pluridecennali e multidisciplinari.
    Il progetto esecutivo, in tutti gli aspetti della progettazione, ed il loro coordinamento, vengono affrontati interamente all’interno della struttura societaria, dando al cliente, sicurezza del risultato nei tempi e nei contenuti.
    ► Leggi tutto
  • Architettura e Costruzioni

    ArcomDesign

    Lo Studio ARCOMDESIGN, fondato nel 2002 dall’architetto Marco Prizzon, è costituito da un team di architetti e professionisti che si occupa di tutti i settori della progettazione: architettura, interior design, industrial design, retail. Una realtà multidisciplinare che in questi anni ha maturato molteplici esperienze, specializzandosi in particolar modo nel settore arredo bar, caffetterie, pasticcerie, pizzerie, ristoranti, dove progetta e realizza ambienti “chiavi in mano” per il contract internazionale.
    ► Leggi tutto
  • Architettura e Costruzioni

    Studio Cappochin

    La progettazione architettonica ed urbanistica dello studio Cappochin è firmata dalle soluzioni BIM di Autodesk Lo studio comunica le varie fasi del progetto ai clienti con efficienza e precisione grazie ad un modello in 3D dinamico costantemente aggiornabile, è il caso dell’intervento di riqualificazione e consolidamento produttivo delle Distillerie Bonollo Umberto SpA
    ► Leggi tutto
  • Architettura e Costruzioni

    Prisma Engineering

    Nell’aprile 2010 a Prisma Engineering viene commissionata la realizzazione del nuovo “General Hospital”, situato ad Az Zintan City, nel Nord-Ovest della Libia. La cittadina libica si trova a circa 600 metri di altitudine e, sino ad oggi, era completamente sprovvista di strutture mediche organizzate. Az Zintan City ha una popolazione di circa 15-20 mila abitanti, che cresce ad un ritmo di 1000 nuove nascite ogni anno. E’ proprio a sostegno di questa crescita demografica costante - non a caso sono in corso di realizzazione anche 3500 unità abitative ed una sede universitaria - che il governo locale ha deciso di dotare la città di un ospedale.
    ► Leggi tutto
  • Architettura e Costruzioni

    ViTre Studio S.r.L.

    La società di ingegneria ViTre Studio S.r.l. nasce nell’aprile 2008, sviluppandosi da un’idea di unione tra due grandi realtà e filosofie del modo di lavorare: quella del Trentino e quella del Veneto e precisamente di Vicenza (da qui il nome della società ViTre). La sinergia di queste due aree geografiche, famose per l’impegno, l’imprenditorialità, la capacità lavorativa con l’attenzione posta soprattutto alla qualità dell’eseguito e del rispetto ambientale, si è concretizzata con l’unione di dodici studi di professionisti, molto esperti e leader nel settore della progettazione edilizia pubblica e privata.
    ► Leggi tutto
  • Architettura e Costruzioni

    Studio Callegari

    Lo studio del geom. Marco Callegari si occupa principalmente di progettazione, direzione lavori, pratiche catastali, topografia e rendering di esterni ed interni.
    Nel campo della progettazione lo studio è in grado di proporre soluzioni ottimali nella realizzazione di nuovi edifici tenendo conto dell’impatto ambientale e delle più recenti tecniche di costruzione con un occhio di riguardo ai materiali.

    Il geometra utilizza Autodesk Building Design Suite per la realizzazione dell’intero progetto e per la creazione di render di ottima qualità. Il geometra si avvale della collaborazione dello Studio Associato Habitat snc di Cartità di Villorba ( Arch. Zannini Alessandro - geom. Callegari Luca - geom. Carraretto Michele ).
    ► Leggi tutto
  • Architettura e Costruzioni

    Ing. Domenico Pepe

    http://www.domenicopepe.eu/

    Lo studio raggruppa diversi liberi professionisti che lavorano in sinergia per raggiungere elevati livelli qualitativi nella progettazione degli edifici ad alta efficienza energetica, fortemente orientati al minimo impatto ambientale sia nella costruzione e soprattutto nella gestione del prodotto finito.

    BIM Oriented

    L’ing. Domenico Pepe da molti anni progetta in modalità BIM, un processo integrato basato su dati ed informazioni condivise, coordinate e congruenti relative all'edificio, dalla progettazione alla sua realizzazione, la sua ristrutturazione, manutenzione e gestione.
    Il progetto di casa Francescut e Bagnariol è un esempio di come, per realizzare un'efficace intervento di risanamento energetico, sia necessaria un'attenta programmazione degli interventi partendo da un'analisi dell'involucro e calibrando gli impianti in base alle reali necessità dell'edificio.

    ► Leggi la case History dell'Ing. Domenico Pepe

  • Architettura e Costruzioni

    Operamed

    Operamed è un’azienda leader nel mercato Italiano e internazionale che progetta, fornisce e installa sistemi di prefabbricazione chiavi in mano per aree critiche ospedaliere.
    L’approccio completo che offre Operamed nella realizzazione di ambienti specializzati come sale operatorie, terapie intensive, aree critiche, degenze, sterilizzazioni, reparti diagnostici, dentali e camere bianche nasce dall’innovativo sistema di costruzione prefabbricato TrueSpace.

    ► LEGGI LA CASE HISTORY DI OPERAMED

Questo sito utilizza cookie per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Per proseguire la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più leggi l'informativa sulla privacy.