• In evidenza
  • News
  • Come si installa il nuovo AutoCAD 2019?
  • Come si installa AutoCAD Map 3D, AutoCAD Architecture oppure uno degli atri strumenti specializzati?
  • Come si attiva la licenza di AutoCAD oppure di uno strumento specializzato?
  • Come si installa la AutoCAD Web App?
  • Come si installa la AutoCAD mobile App?

  • Come si installa AutoCAD 2019?
  • Esattamente come prima.

Sì, perchè anche se passi al nuovo AutoCAD 2019 con set di strumenti specializzati, continui ad avere a disposizione il tuo solito AutoCAD, che come in precedenza scarichi dal portale riservato agli abbonati, Autodesk Account, così come gli altri sette strumenti specializzati.
In questo modo puoi scaricare ed installare quello che ti serve, quando ti serve.
Ti ricordo che gli strumenti specializzati a cui puoi accedere sono: AutoCAD Architecture, AutoCAD Mechanical, AutoCAD Electrical, AutoCAD Map 3D, AutoCAD MEP, AutoCAD Raster Design ed infine AutoCAD Plant 3D. Attenzione: ti ricordo che AutoCAD Civil 3D resta un prodotto indipendente, quindi NON è contenuto in AutoCAD 2019 con set di strumenti specializzati. 
Infine, come puoi notare nell’immagine qui sopra, l’installazione di AutoCAD 2019 aggiunge una novità importante: Recap Photo, un’applicazione fantastica che conosco bene, già nota come Remake, che ti permette di creare mesh 3D dalle foto digitali. Leggi qui i dettagli su Recap Photo.

  • Come si installa AutoCAD Map 3D, AutoCAD Architecture oppure uno degli altri strumenti specializzati?
  • Esattamente come AutoCAD.

Ti basta accedere ad Autodesk Account, scaricare il pacchetto desiderato (32 o 64 bit – Attenzione: alcuni prodotti come Map 3D sono da tempo disponibili solo a 64 bit -, in italiano oppure in un’altra lingua…) e poi avviare l’installazione. Naturalmente, per trovare la versione 2019 degli strumenti specializzati dovrai attendere ancora qualche giorno, perchè vengono rilasciati dopo AutoCAD. Ma grazie all’abbonamento puoi già installare le tre versioni precedenti a cui hai diritto, quindi la 2018, la 2017 e la 2016.

  • Come si attiva la licenza di AutoCAD oppure di uno strumento specializzato?
  • Esattamente come prima, al primo avvio.

Dopo aver terminato l’installazione, al primo avvio del software ti viene chiesto cosa vuoi fare, grazie ad una finestra che puoi vedere nell’immagine qui sopra.
Se, come la maggior parte degli utenti, hai una licenza per utente singolo dovrai inserire il numero seriale e poi effettuare l’accesso via internet con l’email e la password dell’utente AutoCAD. Utente a cui, in precedenza, l’amministratore del contratto ha assegnato la licenza su Autodesk Account.
Se invece hai una licenza multiutente, nota anche come licenza di rete, NLM o flottante, il tuo Amministratore di rete o responsabile IT avrà in precedenza installato ed attivato il Gestore delle licenze di rete, configurato con LMTOOLS. Quindi non ti resta che scegliere Multiutente ed indicare il nome del server di licenza.
Infine se vuoi fare una prova, che per 30 giorni ti permette di usare AutoCAD senza limitazioni, fai clic su avviare una versione di prova. Potrai attivare la licenza in seguito, se decidi di acquistarlo, senza doverlo reinstallare.

  • Come si installa la AutoCAD Web App?
  • Non occorre alcuna installazione

Infatti si tratta di una applicazione eseguita all’interno del tuo browser preferito: ti basta  fare clic qui per accedere con un account Autodesk valido, come quello con cui attivi la licenza di AutoCAD, per disporre dello spazio Cloud e dei comandi per visualizzare, modificare e salvare i disegni di AutoCAD ovunque.

  • Come si installa AutoCAD Mobile App?
  • Come tutte le App per smartphone 

Ti basta fare clic qui dal tuo Smartphone o iPad, per poi scegliere se scaricare la App dagli store di Apple, Google o Microsoft, a seconda del tuo dispositivo. Fai attenzione, per poter usufruire dei vantaggi della versione Premium a cui hai diritto grazie al tuo abbonamento, come ad esempio 25 Gb di spazio Cloud, accedi con l’account Autodesk.

Stampa Email

 

 
The Collaborative Robotic Workbench (CRoW) combines an LBR iiwa robotic arm with an augmented reality (AR) headset for the user.
Il Collaborative Robotic Workbench (CRoW) è un banco da lavoro collaborativo robotizzato, che combina la tecnologia di un braccio robotico KUKA LBR iiwa con un visore per realtà aumentata (AR) indossato dall'operatore. Per gentile concessione di KUKA Aktiengesellschaft.
 

L’immenso settore delle costruzioni — con una spesa annua di oltre un trilione di dollari solo negli Stati Uniti (che secondo le previsioni dovrebbe salire a 1,5 trilioni di dollari entro il 2022) — è in ripresa dopo il periodo di stasi imposto dalla crisi finanziaria globale e rappresenta ora il 4,3 percento del PIL americano.

 

L’edilizia si è trovata immersa in un fantascientifico mondo nuovo per effetto dei progressi della digitalizzazione e della robotica, che solo fino a un decennio fa sarebbero stati inimmaginabili. Se si considera che il settore delle costruzioni private statunitensi ha raggiunto un valore di quasi 900 miliardi di dollari nel 2016, verrebbe da pensare che esso stesso per primo avrebbe tutto l’interesse a voler sfruttare appieno il risparmio offerto, in termini di tempo e costi, dalle più recenti tecnologie, di cui invece Lauren Vasey, ingegnere e architetta, conosce bene gli impedimenti.

“Tutti vorrebbero un’industria edilizia più digitale, ma gli ostacoli sono troppi” afferma. “Esiste una compartimentazione dei processi e dei soggetti coinvolti nella costruzione di un edificio, dagli appaltatori ai progettisti e ai costruttori, che non concede spazio al flusso di lavoro digitale né alcuna possibilità di riscontro tra i diversi componenti”.

Anche Ondrej Kyjanek, collega di Vasey, ricercatore associato presso l’Istituto per la progettazione e la costruzione computazionale (ICD) dell’Università di Stoccarda, sostiene che il comparto sembra essere in spasmodica attesa dell’arrivo della “novità perfetta”.

A team from the Institute for Computational Design and Construction (ICD) at the University of Stuttgart demonstrated CRoW at this year's KUKA Innovation Awards.
Un team dell’ICD dell’Università di Stoccarda ha presentato il progetto CRoW ai KUKA Innovation Awards di quest’anno; da sinistra a destra: Samuel Leder, Lauren Vasey, Bahar Al Bahar, Ondrej Kyjanek, and Benedikt Wannemacher. Per gentile concessione di KUKA Aktiengesellschaft.

Il progetto CRoW rappresenta il tentativo di Vasey e Kyjanek – insieme agli altri colleghi del team ICD, Bahar Al Bahar e Benedikt Wannemacher – di regalare all’industria edilizia questa “novità eclatante”. Il Collaborative Robotic Workbench(CRoW) combina il flusso di lavoro del design generativo con un braccio robotico KUKA LBR iiwa, dotato di artiglio prensile per afferrare, spostare e posizionare componenti. Il progetto è stato sviluppato per l’edizione 2018 del KUKA Innovation Awards, un concorso annuale di robotica per promuovere il tema dell’interazione uomo-macchina nel mondo reale.

L’asso nella manica, però, è il visore per realtà aumentata (AR) indossato dall’operatore. Grazie alla visione dei materiali e della costruzione, la realtà aumentata permette di predisporre, per mezzo della tecnologia digitale, il posizionamento dell’elemento successivo, provando diverse alternative e valutando i dati in anticipo. I movimenti di precisione del braccio robotico posizionano correttamente il componente successivo; all’operatore non rimane che fissarlo con una sparachiodi.

Il CRoW ha fatto la sua apparizione all’Hannover Messe di quest’anno, dove la produzione in continuo ha permesso la realizzazione di un’accattivante scultura in legno. Il dispositivo esegue compiti tradizionalmente svolti a mano dall’uomo – come misurare, trasportare o tenere – e allo stesso tempo scansiona e valuta costantemente la struttura, grazie all’ausilio di sensori, per confrontarla con il modello 3D. Attraverso la conoscenza del modello, il software può anche suggerire la posizione migliore dell’elemento successivo a partire dal punto di vista del visore per realtà aumentata. “In qualità di progettista, è possibile determinare la forma finale della struttura, ma anche di scegliere la sequenza della fabbricazione”, dice Kyjanek.

Informato dalla grande immagine del modello 3D di un progetto, il sistema di realtà aumentata è in grado di raccogliere un’infinità di dati. Ogni asse dei giunti articolati del robot contiene i sensori di misurazione della coppia, che mostrano la forza esercitata su ogni giunto e un’immagine al volo della fattibilità del movimento previsto. L’anteprima del percorso che il robot utilizzerà per andare da A a B permette all’operatore di prevedere eventuali collisioni o interferenze. È anche possibile visualizzare in anteprima un progetto in un dato punto della fase realizzativa e confrontarlo con gli elementi ancora da posizionare o addirittura con la struttura complessiva finale.

Using an AR headset, the CRoW user can digitally place the next piece of a construction, assessing data and trying alternative positions digitally.
Utilizzando un visore per realtà aumentata, l’operatore CRoW può posizionare digitalmente l’elemento successivo di una costruzione, valutando i dati e provando diverse posizioni alternative in digitale. Per gentile concessione dell’ICD, Università di Stoccarda.

Osservando il CRoW in azione, è facile immaginare come condividere e ridimensionare questo flusso di lavoro. Se una versione su scala industriale del sistema costruisce una casa, un condominio o un grattacielo, il file di dati generato dai movimenti del braccio robotico può essere registrato e perfezionato per poi essere applicato più volte su siti diversi, con la garanzia per i costruttori di ottenere ogni volta un risultato perfettamente replicato.

Con il giusto know-how, gli architetti o i costruttori possono persino approfondire i dati per apportare modifiche a movimenti, fissaggi o punti di pressione e regolarli in base alle condizioni del prodotto finale.

 

Durante la presentazione agli Innovation Awards, il team CRoW ha mostrato il funzionamento del braccio LBR iiwa registrandone i movimenti a scopi diagnostici. È questo il suo punto di forza, secondo Vasey, la quale sostiene inoltre che “se gli operatori hanno necessità di comprare il robot solo per scaricare i progetti e poterli manipolare con un flusso di lavoro generativo o computazionale, possono farne un uso intelligente eseguendo il software in background”.

Ma rimane la sfida delle pratiche, profondamente radicate in edilizia e per quanto avanzate, che risultano molto difficili da estirpare perché il settore ha investito molto perché fossero fatte bene. Cosa potrebbe offrire la CRoW ad un’impresa di costruzioni ben dimensionata, oltre a presentarsi come una tecnologia all’avanguardia di forte richiamo?

CRoW's robotic arm positions a piece exactly, constantly evaluating the physical structure against the 3D model, and the user simply fastens it with a nail gun.
Il braccio robotico di CRoW posiziona i pezzi con estrema esattezza, valutando costantemente la struttura fisica rispetto al modello 3D, e all’operatore non resta che fissarli con una sparachiodi. Per gentile concessione dell’ICD, Università di Stoccarda.

“È stato dimostrato che effettivamente è possibile un impiego molto veloce, a detta non solo della nostra ricerca, ma anche di altri istituti di ricerca che lavorano con la realtà aumentata”, aggiunge Kyjanek. “Si tratta di un approccio completamente diverso, ma molto più intuitivo dal momento che è possibile visualizzare davanti ai propri occhi i componenti e la costruzione piuttosto che prenderne visione solo in pianta. È più facile istruire gli operai edili a lavorare con la realtà aumentata che insegnare a uno di loro a leggere le planimetrie”.

Il CRoW è un ulteriore esempio di tecnologia spinta con un ciclo di vita potenzialmente limitato. Al pari della stampa 3D, la realtà aumentata ha vissuto una stagione eccezionale tra i consumatori intenti a percorrere parchi pubblici e strade cittadine alla ricerca di creature Pokemon Go. Ma sembra che quei giorni siano già finiti, così come la promessa delle stampanti desktop 3D a basso costo non si è mai del tutto concretizzata.

Eppure la storia ha dimostrato che l’entusiasmo dei primi consumatori può essere solo un banco di prova per il marketing; la stampa 3D sta silenziosamente trasformando il settore industriale, e Kyjanek e Vasey sono convinti che anche per la realtà aumentata si stia avvicinando il momento d’oro.

Through its AR system, CRoW software can collect endless data and even suggest the best position for the next piece to the user through the AR headset.
Attraverso il proprio sistema AR, il software CRoW può raccogliere un’infinità di dati e persino suggerire all’operatore la posizione migliore per l’elemento successivo grazie al visore per realtà aumentata. Per gentile concessione dell’ICD, Università di Stoccarda.

Il progetto CRoW è essenzialmente una prova concettuale e Kyjanek dichiara che al momento la commercializzazione non è in programma; qualsiasi fase successiva si concentrerà su uno sviluppo ulteriore. “Durante il processo di elaborazione sono emersi tanti nuovi problemi e sfide la cui soluzione ha priorità assoluta”, conclude Kyjanek.

Vasey aggiunge che il ruolo dell’ICD è quello di mettere in atto la ricerca, fondamentale per ripensare come le nuove tecnologie possano sfidare i processi e i protocolli di costruzione già esistenti. L’Istituto riesce puntualmente a trovare dei partner interdisciplinari provenienti da una promettente rete di ricerca che consente un’ampia collaborazione tra il mondo accademico e l’industria.

Quindi ciò potrebbe segnare l’inizio della rivoluzione vera e propria della realtà-virtuale-in-edilizia: quando in futuro si costruirà una casa o un edificio per uffici, non meravigliatevi se il costruttore si presenterà con il casco, una cintura porta attrezzi e un visore per braccio robotico articolato.

Stampa Email

Questo sito utilizza cookie per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Per proseguire la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più leggi l'informativa sulla privacy.